martedì, ottobre 31, 2017

Ecosistema Urbano 2017: Milano, promossa o bocciata?


Ieri e' stato presentato l'annuale rapporto di Legambiente denominato "Ecosistema Urbano", giunto alla sua ventiquattresima edizione. Si puo' andare fieri di Milano nel 2017? I dati parlano ancora una volta di luci e ombre: ci sono aspetti dove nonostante la drammatica urgenza di cambiare direzione non si registrano significativi progressi e, al contrario, situazioni dove la citta' non solo vince il confronto con altri capoluoghi italiani ma risulta tra le più virtuose dell'intero continente europeo.

A Milano va forte il bike sharing, grazie alle iniziative messe in campo dall'operatore pubblico e più recentemente da quelli privati, Mobike e Ofo. Ed e' boom anche di car sharing: quest'anno si e' raggiunto il milione di abbonati, nonostante il contesto di mercato tutto sommato ancora poco maturo (vedi bilanci di Car2Go ed Enjoy ancora negativi). Possiamo, inoltre, vantare una rete di trasporti pubblici che funziona, la metropolitana piu' estesa d'Italia ed in continua espansione, il successo dell'area C, che ha ridotto significativamente l'utilizzo delle auto nel centro cittadino. Il livello di raccolta differenziata e' piu' alto della media, mentre la rete idrica disperde meno del 20% dell'acqua trasportata (ma rispetto a quattro anni fa la situazione e' un po' peggiorata). Infine, si può citare lo sviluppo del teleriscaldamento, che gia' lo scorso anno aveva superato la soglia dei 200 mila appartamenti "equivalenti" collegati.

D' altro canto, c'e' ancora tantissimo da fare. La distanza con la capofila Mantova e' abissale (circa 20 punti) e drammaticamente lontana appare anche quota 100, che nel modello di Legambiente rappresenta la condizione in cui la citta' rispetta pienamente le normative vigenti e si conforma a tutte le raccomandazioni e protocolli internazionali che si riferiscono alla salute umana (UE, OMS...). A Milano abbiamo poco verde pro-capite, isole pedonali e chilometri di piste ciclabili. Insufficiente, se comparato con altre realta', anche l'installato di fotovoltaico e termico pubblico. Ma il problema numero uno rimane la qualita' dell'aria. Anche quest'anno, le polveri sottili sono state sopra soglia per un numero spaventoso di giorni e consola poco sapere che la concentrazione media negli ultimi quattro anni si sia ridotta del 12%, passando da 42 a 37 microgrammi/mc.

Coraggio Sala, acceleriamo sull'ambiente! In quindici anni, come mostra il grafico, abbiamo fatto davvero troppa poca strada...

lunedì, ottobre 30, 2017

Colori d'autunno a Baggio (foliage)


Un acero infuocato dalle tinte accese dell'autunno. I rossi, i gialli, il marrone e la gamma dei verdi: uno spettacolo di una bellezza tutto sommato comune e al tempo stesso unica e indescrivibile, cui una fotografia scattata con i poveri mezzi tecnologici che mi ritrovavo in tasca questa mattina non rende purtroppo giustizia. La pianta sembra quasi specchiarsi sopra ad una una superficie di foglie secche, cadute fittamente tutte intorno al tronco e stranamente non spazzate via dal vento di questi giorni. E' impossibile passarci accanto e non rimanere estasiati dall'armonia della composizione e non perdersi nel gioco di riflessi.

Per chi volesse gustarsi dal vivo questa meraviglia: parco tra Via Viterbo e Via Forze Armate, grosso modo all'altezza del civico 250.  

venerdì, ottobre 27, 2017

Ex asilo di via Martinetti, apertura rimandata al 2020


Ci vorranno almeno altri tre anni prima che l'area dell'ex asilo di via Martinetti venga sistemata. Questo, in sintesi, l'esito dell'incontro aperto (e molto partecipato) che si è svolto ieri presso l'oratorio di Santi Nabore e Felice, alla presenza del Presidente del Municipio di zona 7 Marco Bestetti e dell'Assessore ai lavori pubblici del Comune di Milano Gabriele Rabaiotti. Quest'ultimo ha spiegato che il punto centrale della questione è la destinazione d'uso che le si vorrà attribuire. Scelta che deve essere naturalmente e il più possibile condivisa con il Municipio di zona 7 e i residenti del quartiere.

Sul tavolo ci sono diverse opzioni: un parcheggio per circa 80 veicoli, il cui costo si aggirerebbe attorno a 1 milione di euro, un'area verde da annettere al parchetto esistente (tra le piu' gradite), per un costo totale di circa 2,8 milioni di euro, un'area attrezzata per lo sport all'aria aperto, tipo campo da basket/pallavolo, per un costo totale di circa 2,9 milioni di euro, una palestra per praticare sport al chiuso, una biblioteca di quartiere, un'area polifunzionale per favorire l'aggregazione sociale, con sale riunioni, auditorium, etc... C'è infine da considerare lo scenario in cui il Comune conceda il bene ad un privato che voglia intraprendere un esercizio commerciale, ma francamente appare una ipotesi remota. In ogni caso, bisogna tenere conto che stiamo parlando di una superficie di soli 2000 metri quadrati, il che limita il campo delle possibilità: o si fa una cosa o se ne fa un'altra. Non è pensabile di farvi coesistere più di un progetto.

L'assessore ha presentato anche l'iter burocratico che si profila da qui alla riapertura dell'area. Anzitutto, bisognerà effettuare delle analisi in modo da determinare con precisione l'entità e il costo delle bonifiche del terreno. L'obiettivo è chiudere questa prima fase entro i prossimi sei mesi. Poi occorrerà selezionare una ditta a cui affidare i lavori attraverso il processo del bando pubblico di gara. Considerati i tempi tecnici della gara a mezzo bando pubblico, non si avrà un esito prima del 2019. Infine, si arriverebbe alla messa in opera del progetto, che non verrebbe realizzato prima del 2020. Le date sono puramente indicative e si riferiscono al caso "roseo" in cui la destinazione d'uso venga definita entro i prossimi sei mesi, le risorse finanziarie siano disponibili e, soprattutto, la questione dell'ex asilo rimanga nel radar delle priorità del Municipio 7 e del Comune di Milano.

Prospettive non certo esaltanti. Tre, quattro o cinque anni sono tanti, considerato che veniamo da dieci anni di abbandono, incuria e vandalismi di vario genere. Uno fa a tempo a cambiare casa, quartiere o persino citta', come e' successo al sottoscritto. Si fa a tempo a passare dalla fase in cui i bambini sono piccoli e il parchetto e' un appuntamento quotidiano, al momento in cui i figli sono grandi e al parchetto non ci si pensa piu'. In questo paese si muore di burocrazia... e di smog, aggiungo, visto che non c'e' un altro giardino pubblico nel raggio di 1 km!

Nel frattempo che si puo' fare? Certamente, chiedere al Municipio 7 di convocare al più presto un'assemblea pubblica in cui definire una volta per tutte la destinazione d'uso: inutile attendere di sapere che nel sottosuolo ci sono pesticidi o idrocarburi o che la bonifica costa 10 o 20. Poi, assicurarsi che il parchetto esistente venga manutenuto nel modo migliore possibile: ieri sera (forse) ci siamo portati a casa la promessa di una fontanella, ma c'è anche il problema ricorrente delle zanzare, il marciapiede dissestato, l'illuminazione carente, le recinzioni divelte, la crescita incontrollata della "savana", etc... Infine, perche' no? Premere sul Comune perche' valuti la possibilita' che questo intervento salti su una corsia preferenziale ("accordi quadro"), di modo da ridurre drasticamente i tempi.

Ce la faranno i nostri eroi?

giovedì, ottobre 26, 2017

Via Menzini, chi giustifica è complice



Foto scattata in Via Menzini, in zona Forze Armate, Milano: in quartiere in cui vivo. Oltre al furgone, le fiamme hanno interessato un motorino e le persiane dell'appartamento del primo piano. Sulla fiancata del veicolo un foglio A4 appeso con lo scotch con un messaggio amaro e dal finale chiaramente accusatorio:

Questa opera è stata realizzata da una mano mossa dall'ignoranza, dall'intolleranza e da una mentalità mafiosa, che vorrebbe imporre la sua volontà con la forza, senza alcun rispetto della legge, della libertà, della proprietà e della vita altrui (visto che si è sfiorata la strage). Chi giustifica e chi tace è complice

Chi tace è complice, d'accordo. Ma chi è tanto cinico da giustificare una cosa simile? Una persona che conosca la vittima e che di fronte ad una scena simile pensi che comunque se la sia meritata. Mi viene in mente che in quella via vedo spesso passare famiglie di ebrei che portano i loro bambini a scuola: che sia quindi un atto ostile dai connotati politico-religiosi, che goda del silenzioso appoggio di una certa comunità antisemita? Ipotesi che non sta in piedi, perché gli ebrei frequentano la via ma abitano da tutt'altra parte (San Gimignano).

Ad ogni modo, stamattina non è stato facile spiegare a Pietro cosa stesse guardando, quando nel tragitto tra casa e scuola siamo passati accanto a quei resti carbonizzati in sella alla nostra bicicletta. Gli ho detto che ci sono persone molto cattive e prepotenti che arrivano a fare dispetti di questo genere, ma mentre lo dicevo mi rendevo conto che le parole non trasferivano il cupo concetto di intimidazione.