venerdì, settembre 09, 2016

Milano citta' di flussi


Di digital art mi ero occupato su queste colonne giusto una decina di anni fa, in occasione della realizzazione dell'opera "Accomodatevi!!! Oggi sposi" di zio Arthur. Oggi ci ritorno per raccontarvi di un interessante manufatto progettato con Photoshop dall’artista londinese James Dawe che e' da poco apparso sull’Alzaia del Naviglio Grande, all’altezza del capannone basket della Canottieri Milano. Considerate le notevoli dimensioni (31 metri di larghezza per oltre 5 di altezza), per averne una visione d'insieme, conviene ammirarlo dalla sponda sud del canale, anche se purtroppo i pali dell’illuminazione e i cavi elettrici che si frappongono tra l’opera e lo spettatore non consentono di fare fotografie memorabili. 

La "Milano citta' di flussi" ha vinto un concorso voluto da UniCredit e si ispira, secondo le intenzioni dell’autore, al concetto di energia che muove la citta'. In effetti, l’immagine comunica movimento ed estremo dinamismo: circa mille layer fondono insieme flessuose linee curve e scie di luce con monumenti e luoghi simbolo come il Duomo, piazza Gae Aulenti, la loggia dei Mercanti, la Galleria Vittorio Emanuele, il Castello Sforzesco, l’Arco della Pace, etc.... Ma la vera peculiarità è che ogni elemento architettonico sembra sorgere dalle acque dei navigli che tutto interconnettono. Un omaggio all’antico motore dei commerci e simbolo stesso della continua tensione al rinnovamento del tessuto urbano, economico e sociale. Ma io ci leggo anche uno scorcio della citta’ del futuro e quindi una presa di posizione (dell’alta finanza meneghina?) all’interno del dibattito cittadino sulla riapertura delle vie d’acqua, troppo in fretta rinnegate e cancellate nel corso del scorso secolo. Da inguaribile romantico e amante del paesaggio, non posso che appoggiare questa visione.

Bon! E ora che vi ho raccontato anche questa, rimetto i piedi sui pedali della mia bicicletta e torno in ufficio, che e' proprio qui dietro. Niente male come pausa pranzo, che ne dite? :-)

5 commenti:

Arthur ha detto...

Ma è Street Art? Cioè, è realizzata con la pittura?

In ogni caso è stupenda e mi riprometto di andare a vederla.

ps: grazie per la citazione, ma magari hai forse un po' esagerato nel descrivermi, mannaggia. :-)

Arthur ha detto...

Dimenticavo, ho condiviso questo tuo articolo sul mio canale Google https://plus.google.com/102227074824574465765

Anonimo ha detto...

L'opera è sul capannone basket della Canottieri Milano.

Dino ha detto...

Grazie "Anonimo" per la tua nota, ho provveduto a correggere!

Dino ha detto...

E grazie anche a te Arthur per la condivisione :-)