sabato, agosto 21, 2010

Otto chilomenti di verde a Milano

Attenzione (caveat viator): in questo articolo si parla dell'utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto all'interno della citta' di Milano, nelle settimane a cavallo di ferragosto. L'autore declina ogni responsabilita' per le conseguenze, anche spiacevoli, che potrebbero capitare al lettore, quand'egli decidesse di seguire i suoi pur buoni consigli, al di fuori del periodo sopra indicato.

Pergolato d'uva nel Parco delle Cave

Fare una passeggiata di oltre 8 km attraverso una cintura praticamente ininterrotta di parchi dentro la citta' di Milano? Sembra incredibile a dirsi, eppure e' possibile. Istruzioni per gli scettici: inforcare una bicicletta all'ingresso del Parco delle Cave e pedalare in direzione nord, costeggiando i bei laghetti artificiali (con calma, ammirando la vegetazione e le colture, come questo bel pergolato d'uva); oltrepassare il crocevia Caldera/Novara e proseguire sempre in direzione nord, attraverso il Parco di Trenno, fino ad incrociare la metro Bonola (nota: l'ultimo tratto di strada, che attraversa il quartiere di via Betti e' su pista ciclabile). A questo punto, il Parco del Monte Stella (nella fotografia qui sotto, i famosi "pinguini") e' veramente a portata di mano: piegate verso ovest ed attraversate le estese aree verdi che corrono lungo l'asse di via Benedetto Croce.

"Pinguini" al Monte Stella

La pedalata tra i parchi, purtroppo, termina al di qua di via De Gasperi, visto che il Parco del Portello, con la sua bella ed intrigante collinetta a spirale, al momento e' chiuso per i lavori di realizzazione del tunnel verso via Gattamelata (dunque, in realta' anche Milano s'e' decisa a sftruttare il sottosuolo...). Speriamo che lo aprano, come da programma, entro la fine dell'anno. Intanto, qui sotto vi incollo il percorso, nel caso ve lo vogliate studiare. Ultima curiosita': ho letto che da qui a Expo2015 dovrebbe sorgere, in direzione sud-ovest dal Portello, il Parco Fiera di Milano: si tratterebbe dell'anello di congiunzione tra le aree verdi sin qui citate e il Parco Sempione, cioe' il centro della citta'. Roba da leccarsi i pedali...

8 km di verde a Milano: percorso

Vabbe', smettiamola di sognare. Tra oggi e domani rientreranno in citta' un buon numero di vacanzieri e da lunedi' Milano, invasa come sara' dalle quattro ruote, tornera' ad avere l'aspetto caotico e frenetico che la contraddistingue normalmente. A quel punto, di giri in bicicletta se ne parlera' la prossima estate.

2 commenti:

Dino ha detto...

Ora mi spiego come mai la "montagnetta di San Siro" (altro nome con cui e' conosciuto il Montestella) e' sempre cosi' gettonato dagli amanti [...] del jogging...

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_ottobre_7/prostituzione-romene-san-siro-jogging-focarete-1703900967028.shtml

Milano...

Anonimo ha detto...

Bel post, è importantissimo valorizzare anche le minime tracce di verde urbano (o, per meglio definirli, "corridoi ambientali"), vivendole e, perchè no, facendo il possibile e l'impossibile (come avviene qui: http://www.guerrillagardening.it/) per farle proliferare :-)