mercoledì, luglio 30, 2008

Nuovi orari, solita solfa

Erano mesi che chiedevamo un incontro con la Regione. Finalmente lo abbiamo ottenuto, ma le notizie non sono buone, soprattutto dal fronte Nuovi Orari 2009 (si, quelli che dovevano arrivare al piu' tardi entro meta' 2008). Eccovi il resoconto della riunione in via Taramelli del 21/7 con il nuovo dirigente della U.O. regionale per i trasporti, Massimo Dell'Acqua.

Puntualità, che pena...li!
La Regione assicura che monitora il problema dei ritardi e applica puntualmente le penali previste da contratto, quando i livelli di servizio scendono sotto la soglia prestabilita. Trenitalia arriva a pagare in Lombardia ben 4 milioni di euro l'anno (circa il 2% del valore dell'attuale contratto): più di quanto paga in tutte le altre regioni messe assieme. Rimane aperta la questione dell'attendibilita' dei dati sugli indici di affidabilita' delle linee. Secondo la Regione, sono attendibili, dal momento che vengono elaborati da sistemi automatici. Il CPB, al contrario, sostiene da sempre che non sono in linea con quelli misurati dall'utenza, che sperimenta tempi di percorrenza maggiori. La differenza, come noto, e' dovuta al fatto che i controlli automatici sono piazzati fuori dalle stazioni e quindi non misurano i ritardi in partenza o il tempo che ci vuole perché il treno si fermi.

Per quanto riguarda, nello specifico, la via Carnate ("maglia nera" da molti mesi), la Regione ha aggiunto che si attende un qualche miglioramento dal completamento del raddoppio... sulla via Treviglio (boh!?). Certo che peggio di cosi' e' dura...

Tra i vari problemi, abbiamo discusso anche quelli del "mio" suburbano S9 da/per Milano San Cristoforo; in particolare, abbiamo denunicato il fatto che spesso i treni vengono indiscriminatamente prelevati dalla linea per essere impiegati all'occorrenza su altre linee, con informazioni agli utenti rimasti a piedi altamente inefficiente, soprattutto nelle stazioni intermedie. Un vero calvario per chi aspetta fino all'ultimo a Romolo o a Porta Romana...

Pulizia, aria condizionata, composizione treni... un terno al lotto!
La Regione spiega che per il controllo dei problemi a bordo treno, come Pulizia, dell'aria condizionata, porte guaste, composizione, etc… si avvale di un servizio in outsourcing appaltato ogni due anni a società specializzate. Vengono effettuati circa 1200 controlli su treni Trenitalia e Ferrovie Nord al mese. Naturalmente, noi non abbiamo mai visto nessuno. E se sono venuti in incognito, allora mi chiedo: dove sono i benefici di tutti questi controlli?

La Regione ci ha resi partecipi dei suoi timori nel chiedere la manutenzione delle carrozze, dal momento che non è certa che - una volta tolte dalla composizione dei treni e revisionate – "non vengano più restituite". Siamo messi bene...

Nuovo orario 2009
Ed eccoci alle note veramente dolenti. La Regione dice che - ora che il quadruplicamento e' pronto - Trenitalia puntera' molto sull'aumento di offerta per l'alta velocità sulla Milano-Venezia e che occorrerà quindi fare i conti con questa realtà. Per il traffico regionale, Trenitalia ha preparato un "catalogo" servizi, caratterizzato – per la direttrice da/per Bergamo via Treviglio – da treni diretti per Milano (Lambrate, alcuni proseguono anche fino a Centrale) ogni mezz'ora per tutta la giornata, con fermate a Verdello e Pioltello. Questi collegamenti avrebbero un tempo di percorrenza – compatibilmente con gli incroci delle altre direttrici – di 50 minuti (nota: si intende fino a Milano C.le), cioè allineato al minor tempo di percorrenza attuale. Inoltre, propone un servizio di treni navetta per Treviglio C.le, che coprirebbe tutte le fermate (compreso Arcene e, in futuro, Stezzano e Levate). I treni navetta avrebbero una coincidenza per Milano nel giro di una decina di minuti (altri collegamenti disponibili per Cremona e Brescia). L'impianto su cui si sta ragionando si spinge a questo livello di dettaglio:

  • Treni "diretti" per Milano ai minuti 02 e 32 (es. 7:02, 7:32, 8:02…);
  • Treni "navetta" per Treviglio C.le ai minuti 17 e 47 (es. 7:17, 7:47, 8:17…);

In funzione delle risorse disponibili, la Regione acquisterà dal "catalogo" i collegamenti per le fasce orarie di maggiore interesse. A quanto pare, la trattativa commerciale è in stallo perchè Trenitalia chiede circa 70 milioni di euro in più di quanto la regione paga oggi (+40%) a fronte di un'offerta per il 2009 che è grosso modo corrispondente a quella attuale e a parità di qualità del servizio. Motivazione? Ritocco del listino (l'ennesimo). Una richiesta che appare comunque inaccettabile, dal momento che la Regione non ha una lira di piu' da spendere.

Considerazioni finali
La Regione e Trenitalia troveranno alla fine un accordo per poi rivalersi sui pendolari? Molto probabile: che paghi Pantalone!

Dove sono i vantaggi sui tempi di percorrenza, tanto a lungo attesi e piu' volte promessi da questo o quel dirigente/politico? Catania, dove sei??? Che tristezza... Tanti anni di lotte, per scoprire che il futuro della Bergamo su ferro sara' uguale al suo passato: una linea secondaria che si prende il poco spazio lasciato dalle altre. Chiedendo per piacere, s'intende. Bergamaschi, datevi pace: il quadruplicamento non e' cosa pensata per voi.

Potremo almeno contare su un'offerta di collegamenti maggiori di quella attuale (un bel treno di rientro da Lambrate alle 20:00, ad esempio...)? Forse, ma a patto di usare le navette. E tanti auguri di buon viaggio!

Possiamo davvero sperare che gli incastri con i suburbani non siano lasciati al caso (al contrario di quanto dichiarato dalla Regione)? Be', qui e' facile immaginare che la risposta e' NO. Non ci resta che incrociare le dita. A quando per l'incrocio della braccia = sciopero dell'abbonamento???

:-(((

martedì, luglio 22, 2008

Personal Branding con i Social Media

Il mio amico Luigi Centenaro ha recentemente pubblicato un interessante ebook dal titolo "Personal Branding con i Social Media". Si tratta di una guida ai principali strumenti messi a disposizione dal web 2.0 (per non farla troppo difficile, da Internet), con i quali chiunque - non solo le aziende! - puo' crearsi e coltivare una rete di contatti e promuovere con efficacia le proprie idee, ma anche prodotti e servizi di ogni genere. Per vendersi bene, secondo l'esperto di Cernusc, non bisogna affidarsi tanto al modello (superato) della "bella vetrina", quanto piuttosto ad una sapiente ed attiva gestione delle interazioni con la propria rete sociale (e con le reti dei nostri contatti...). Condividere, misurare la propria eco, moltiplicare la conversazione, sollecitare il commento, fidelizzare: ecco le parole chiavi indicate da Luigi, che riassume il segreto del successo con la formula di Tom Peters (CEO di FastCompany) "curare la marca chiamata te", ossia la propria "reputazione" online.

Consiglio vivamente la lettura di questo ebook a chiunque abbia un Blog, o posti video su YouTube o abbia semplicemente un account su Facebook, MySpace, Linkedin o Flickr: i Social Media sono delle armi davvero potenti ed e' necessario, di conseguenza, imparare a padroneggiarli. Anche perche' non sono certo esenti da rischi... Avete sentito cosa ha detto, in proposito, il Garante della Privacy, nel corso della sua relazione annuale al Parlamento?

Ho un solo appunto, anzi una provocazione a dirla tutta, che vorrei rivolgere a Gigi: e' molto tempo, ormai, che ti stai appassionando del come... Non sara' arrivato il momento di dedicare un ebook all'importanza del cosa dire attraverso questi benedetti Social Media? Troppo scontato? Eppure non lo e'. Bazzico Facebook con una certa regolarita' da un paio di mesi ormai e mi sto rendendo conto che - stringi, stringi - dietro quelle paginette multi-color, zeppe di immagini e "cazzilli" vari c'e' un gran piattume e pochezza di contenuti ... Per non parlare della demenzialita' della maggior parte dei video postati su YouTube!

Naturalmente, non voglio fare di tutta un'erba un fascio, tuttavia comincio a capire le parole del mio caro Professore Mario Foce, quando (lui aveva passato i novanta) provai a spiegargli cosa fosse Internet e quali grandi meraviglie avrebbe dischiuso all'umanita'. All'epoca, non esisteva il web2.0 e forse nepppure eBay, ma Google gia' spopolava. Ricordo che, di fronte al mio fervore, rispose stizzito: "Un'infinita' di testi a disposizione di chiunque, in pochi secondi?!? Ma i libri bisogna leggerli, perdio! Non serve a nulla che se ne stiano ordinati e a portata di mano, nella libreria di casa!!!". Arrossisco per primo io e mi dico: ahi, quanto aveva ragione...

lunedì, luglio 21, 2008

La fede ritrovata

Perdere la fede al gioco e ritrovarla, in fondo al lago, quando ogni speranza sembrava perduta. Quando si dice che uno ha piu' c... che anima! Vero, Milena & Gabriele? :-)))

venerdì, luglio 18, 2008

Fuori ai quarti, ma a testa alta

Milano, 18 Luglio 2008. Onorevole figura! Questo si puo' dire della Global Italy United (GIU). La squadra capitanata ed allenata da coach Fede Di Aelle ha chiuso il torneo di Buccinasco con un bilancio di una vittoria ed una sconfitta (di misura: 13-15), maturata contro la squadra de "le Sorelle", nel turno dei quarti di finale. Buona la prestazione di tutto il collettivo, con un lucido Luca-Centralone (sua la schiacciata piu' pulita del torneo), ispirato da un'ottima Carmen. Piu' opaca la prova di Dino, il palleggiatore dalla battuata malefica, che purtroppo non ha mai forzato la battuta (forse intimorito dalla spalla) e che ha commesso qualche piccola sbavatura in ricezione. Anche il terzetto-staffetta e' stato all'altezza, con una Vale-Vola capace di tirare su l'impossibile e un Luca-Fantasia a tutto campo. Diligente e generosa anche la prova di mister Federico, che le ha azzeccate quasi tutte, sia fuori che dentro il campo. Peccato solo per quell'errore in battuta, proprio nel momento piu' importante del match: se l'avesse messa dentro, chissa'... Dopo la sana panzata al buffet allestito dalla Voda a bordo campo, i giocatori della GIU si sono dichiarati gia' pronti per Voda Cup 2009: "Per l'anno che viene", ha dichiarato Luca-Fantasia, a nome di tutti "prenotiamo un posto sul podio". E c'e' da credergli!

W la GIU!

giovedì, luglio 17, 2008

La Global Italy United torna a sperare

Milano, 17 Luglio 2008 – Dopo giorni di apprensione, giungono buone notizie per i tifosi della Global Italy United (GIU). Dino, il palleggiatore dalla battuta malefica, infortunatosi durante l’ultimo allenamento di lunedì (quello “decisivo”), questa sera sarà regolarmente in campo a Buccinasco, per il fischio di inizio del torneo di Beach Volley aziendale. Il giocatore italo-bergamasco, infatti, è stato recuperato [quasi] interamente, grazie al riposo forzato, i bagni nel Lasonil e gli impacchi di ghiaccio amorevolmente preparati dalla moglie. Intervistato ai microfoni di Radio Volley int., all’uscita dall’infermeria, Dino ha dichiarato: “Ringrazio il mister e i compagni di squadra per essermi stati vicini in questo momento difficile. Spero di ripagare il loro affetto con una grande prestazione, questa sera”. Intanto, secondo alcune indiscrezioni, questa mattina Mister Fede Di Aelle sarebbe apparso disteso e sorridente agli amici e avrebbe confidato di avere in pugno una tattica infallibile, ispirata da un vecchio libro sapienzale rinvenuto sulle rive del mar morto negli anni ‘80 (il Corsolini, ndr). All'apertura delle contrattazioni, le azioni della Voda, sponsor della manifestazione, hanno sfondato quota 1000 (+20%) al FTSE di Londra e sono state quindi subito sospese per eccesso di rialzo.

Forza GIU!!! Tutti gli altri BUUU
Dino, Vale-Vola, Coach Fede, Luca-Centralone, Luca-Fantasia, Carmen

martedì, luglio 15, 2008

Siano maledette le sabbie di Lorenteggio!

MILANO Lorenteggio, 15 Luglio 2008 - Destino avverso per la Global Italy United (GIU). Trapelano brutte notizie dall’infermeria, proprio alla vigilia del super torneo aziendale. Sembra che la squadra allenata da Fede Di Aelle rischi di perdere Dino, il palleggiatore dalla battuta malefica, il quale si sarebbe procurato un infortunio alla spalla destra, proprio durante l’ultimo allenamento al Palauno (quello “decisiviso”). L'incidente sarebbe avvenuto per un maldestro tuffo a pera sotto rete, che sul momento non ha destato preoccupazione, ma che avrebbe poi fatto vedere i sorci verde per tutta la notte al giocatore italo-bergamasco. Si attendono gli esiti della prima abbondante spalmata di Lasonil, per capire l’entità dei danni, ma le speranze di vederlo giovedì – stando alle prime indiscrezioni che parlano di artropatia lancinante – sembrano già ridotte ad un lumicino. Una bella grana per il coach di Varese, che adesso dovrà riadattare gli schemi (Corsolini docet) e le formazioni, cercando nuovi equilibri, nonché infondere fiducia ai propri giocatori. Mentre i capitani delle altre squadre tacciono (o festeggiano?), il presidente della FIPAV Carlo Magri e il presidente del CONI Giovanni Petrucci hanno emanato un laconico comunicato congiunto che stigmatizza così lo sfortunato episodio: siano maledette le sabbie di Lorenteggio! :-)))

Forza GIU!!! Tutti gli altri BUUU
Dino, Vale-Vola, Coach Fede, Luca-Centralone, Luca-Fantasia, Carmen

domenica, luglio 13, 2008

E anche questa e' fatta!


Sistemata anche la cognatina. Ora lo Speildberg delle Orobie si riposa: tra due settimane si parte per le vacanze!!! :-)