lunedì, giugno 23, 2008

Quarta trasferta a Stoccolma

Istantanee dalla quarta trasferta in Svezia. Cominciamo con una simpatica immagine del congelamento delle Specifiche Funzionali presso l'Ice Bar in Vasaplan...

Vabbe', sono d'accordo con voi, questa potevo anche risparmiarla. Comunque, continuiamo con un assaggio di Analisi di Fattibilita' presso l'Opera Cafe'... :-)


E infine, i nostri "Stockholm Heroes" (Mattia con tanto di copertina del nonno): W la YLVA!!! :-)))


Ho dormito malissimo: sole sopra l'orizzonte dalle 3:30 del mattino alle 10 di sera (ma luce diffusa anche a mezzanotte). Un disastro!

Med vänlig hälsning (= saluti)

Soppressioni e soppressate

Verso le 18:30 mi arriva un SMS da parte di un amico che si trova a Milano S.C.: “treno delle 18:32 fermo sui binari, 18:57 soppresso”. Voi che avreste fatto? Ringrazio con trasporto (e’ il caso di dirlo!) e mi dirigo senza indugi verso la metropolitana: ho appena schivato la terza serata nera di fila (con rientro a casa previsto per le 22:00), al prezzo di un misero euro. Questa volta e’ andata proprio bene. Una volta a Lambrate, pero’, leggo con stupore sui monitor che il 18:57 e’ annunciato in arrivo con trenta minuti di ritardo. Curioso. Ma rimango ancora piu’ sorpreso, pochi minuti dopo, quando mi vedo arrivare sul binario 4 il treno in oggetto in perfetto orario. Ma come e’ possibile? Semplice! Il 18:32 e’ partito con trenta minuti di ritardo e s’e’ trasformato nel 18:57. Salame io, che non l’ho intuito fin dal primo momento.

Distinti Salumi!

PS: Linea S9, si salvi chi puo’! :-(

sabato, giugno 21, 2008

Ho deliverato!

Negli ultimi due mesi ho un po' trascurato il mio Blog, lo ammetto. Attenzione, pero': e' stata causa di forza maggiore, non disinteresse. Maggio se n'e' andato per scrivere il Blog della Terra Santa, che - finalmente! - comincia a comparire nei risultati delle ricerche su Google e quindi a ricevere visite regolari dalla comunita' internauta.

Queste prime settimane di Giugno, invece, se ne sono andate per confezionare il filmato del matrimonio di Mirko & Valentina, che - lo dico con un certo orgoglio - e' uscito molto bene. Il materiale grezzo era gia' di per se' di ottimo livello (eh, l'esperienza! Vedi nota) e il risultato finale mi ha proprio soddisfatto. Vedremo cosa ne diranno i diretti interessati, che ci hanno invitato a cena per sabato prossimo...

Neppure il tempo di "deliverare" un progetto e gia' sono sotto per un'altra commessa. La cognatina (nella fotografia a lato, durante la festa di addio al nubilato) s'e' sposata due settimane e mezzo fa e ora che e' tornata dal viaggio di nozze (giustamente) smania dalla voglia di vedere il suo filmato di matrimonio. Proprio oggi mi ha chiesto di poter vedere in anteprima le riprese originali. Questo post e' dedicato a te: cara mia, col cucco! Non se ne parla nemmeno. Troppo comodo. Dovrai attendere, come hanno fatto tutti gli altri, che l'artista abbia finito di elaborare la sua opera, se no che gusto c'e'??? Non mi vorrai mica rovinare la sorpresa? Del resto, non c'e' di che preoccuparsi: sara' tutto molto veloce, gli interventi da fare sono molto pochi, il montaggio live in camera e' stato, anche in questo caso, molto... "professional"! :-)

Bon, lo Spieldberg delle Orobie vi saluta e torna al lavoro. Portate ancora un po' di pazienza e... a proposito di questa cosa dei matrimoni, non spargete troppo la voce! ;-)

* Nota. Sara' per lo meno il quindicesimo matrimonio che ho seguito da "regista"? In pochi mesi, comunque, contando quello di Vic & Anita me ne sono fatti tre e tra poco arriva il quarto: quello della mia sorellina...

martedì, giugno 03, 2008

Pellegrini in Terra Santa

Mancavano due settimane alla partenza. Alla fine della serata, dopo aver discusso di vari altri aspetti, il Don annuncio' che bisognava trovare fra noi anche un volontario che si sarebbe occupato del reportage del viaggio. Non so perche', a quel punto, tutti si girarono verso di me. Forse, nel corso di quel primo nostro incontro, devo aver lasciato intendere che avrei portato con me il portatile, oltre naturalmente alla macchina fotografica. Qualcosa che faceva rima con scrivere, insomma. Comunque sia, non mi feci pregare e, anzi, ne fui molto lieto.

Ho cercato di onorare l'impegno al meglio delle mie possibilita' e, comunque sia, con grande dedizione. Anzitutto, per l'intera settimana di pellegrinaggio, ho girato sempre con penna e taccuino alla mano, pronto a registrare frasi, pensieri ed emozioni importanti. Bellissimo: ho sempre sognato di fare il giornalista a quella maniera. Poi, una volta tornato a casa, ho trascritto tutto quanto e da quelle pagine e' nato un blog (un altro!) scritto - questo si'! - a quattro mani con la mia dolce e bravissima meta'. Ci abbiamo lavorato intensamente per un mese intero, sacrificando pure qualche weekend. Speriamo vi piaccia e... chissa' che non vi faccia venire un po' di voglia di visitare quel coacervo di culture, religioni e storia che e' la Terra Santa!

http://pellegriniterrasanta.blogspot.com


Buona lettura!